Questo sito utilizza/non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Sat08192017

Last update

Saturday, 31 October 2015 14:29

DALE SEOLE AI COMPUTER ... STORIA DELLA METEOROLOGIA - Prima Parte Featured

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Mi me li immagino i omeni primitivi o comunque le prime civiltà quando le gavea a che far con i fenomeni meteorologici... per ogni roba che sucedeva sicuramente el motivo l'era che qualcuno dei "Dii" che i gavea alora per qualche motivo ghe girava i ovi e quindi i se sfogava con i poveri umani:

  • Cascava en spiansiso..."ecco gavemo fato qualcosa al dio del fogo e adesso el ne purga"
  • Arrivava el tramonto ... "ecco el papà de Pollon l'è stufo e el va a dormir" ... a no giusto, Pollon a quei tempi non i savea gnanca cosa el fusse...
  • Arrivava na botta de #caldomerda ... "ecco che quei de ilmerdeo.it i sa enventè n'altro nome del cavolo per el caldo" ... perchè quei de elmerdeo i ghera ancha alora...
  • Tacava a piover ... "ecco che i angioletti ghe scapa la pipì" ... a no quela la me le diseva me nona...
  • Ghera na fila de nuvole a righe nel ciel ... "ecco che gli illuminati i ne irrora con el Bario" ...

Comunque o per na roba o per n'altra ghera sempre de messo na divinità a portare il bello e il cattivo tempo...

I primi che ha provà a dir "Eh no caspita, non pol mia esserghe sempre de mezzo qualche Dio..." iè stè i Mesopotanici (se scrive cosità?!?!) ... si insomma quei che arivava dalla mesopotamia (adesso se pol dir che la saria formà da Israele, Libano, Siria, Iraq ... si insoma dove ghè casin...)...dopo i gà provà i Ebrei.. ma fin quando no sa fato avanti i Greci non ghè sta verso de veder qualcosa de serio... I Greci, nonostante i gavesse un Dio per qualsiasi cosa, ià scritto el primo "manuale de Meteorologia": la Meteorologica di Aristotele (che non l'è miga el personaggio principale de "l'allenatore nel Pallone"...quel el gavea una s in più ala fina...).

Sto manuale, scritto nel 340 a.C. el dimostra, come ci l'ha scritto, el fusse uno con "i contro cojoni" visto che su molte robe el gà embrocà dal bon... tanto più che iè valide anche ai giorni nostri... Sicuramente el ghe nè capiva più de Sanò visto che a quei tempi lù (Aristotele) l'avea descritto perfettamente come se formava la grandine. Per Aristotele infatti la Grandine non l'era miga un regalo del Dio dei Ghiaccioli o del ciclone "Poppea" (Thor, Odino o Sticazzi ... a cui siamo abituati ai giorni nostri) ma l'era un fenomeno che gavea la seguente spiegasion (voleva scriverlo en graco ma acententive de leserlo en Italiano...) :

"a quote elevate la temperatura dell'aria è tale da far ghiacciare l'acqua anche d'estate. Anzi, le grandinate si verificano più spesso in estate perchè il calore del suolo spinge le nubi più in alto facendo così ghiacciare elevate quantità di goccioline contenute nella nube che prima o poi a causa del peso cadono a terra"

... in effetti sucede più o meno sta roba...poi ovvio...Aristotele, considerando la Terra al centro dell'universo, el pensava che el Sole non servisse a n'ostrega ..ansi no dai..al Sol el dava el merito de provocar i Venti ... anche se per lu iera solo due .. Però tutto sommato pur avendo scritto anche na marea de vacade nel so trattato  (chiamiamole inesattezze dai..), podemo dir che Aristotele l'era l'Emilio Bellavite dei so tempi.. El grosso problema de Aristotele l'era che el fasea na fadiga bestia a avvisar i so concittadini che doman saria poduo piover visto che nol podea mia far na Pagina su Facebook o mandar un twitter ... quindi volenti o nolenti i greci ghe tocava ciapar quel che vegneva perchè nessuno ghe diseva se tor su l'ombrela o se ala matina ghe saria stà sboreto.

Comunque quel che ha scritto Aristotele (anca se de scientifico el gavea poco o niente) l'è sta ciapà per bon come la "bibbia" della Meteorologia e delle conoscenze atmosferiche, per almeno 2000 anni... Anca perchè quei che podeva meterghe un poco el becco iera I Romani e non ià zontà gnente de novo... i pensava solo ai Gladiatori, a espender l'impero e se pioveva o fasea el sol l'era stesso. Ma quindi, volio dirme che per 2000 anni avemo considerà valido che "quando il calore del Sole raggiunge la superficie terrestre esso si mescola con l'acqua dando origine ad una sostanza calda e umida simile all'acqua",Benedetto Castelli (1577 - 1643)la fusse la spiegasion scientifica per la formazione del vapore acqueo? A sto punto me domando: ma che casso ai fato en tutto sto tempo? nel Medioevo a parte coparse tra de lori...pensaveli ancora che la neve la fosse la forfora de Zeus???

Dai non l'è miga proprio così...ma purtroppo nel Medioevo l'era l'astrologia a farla da padrone e quindi se piovea l'era perchè "lo Scorpione è andato in trigone con la Vergine e Venere si è allineata con l'Orsa Maggiore per 10 lune..." insoma iera le stele a comandar ,oltre ala alla fortuna dele persone, anca le previsioni del tempo...un po' come ancò noialtri pensemo che le Seole le ne diga che tempo farà per tutto l'ano o che Frate indovino sia meglio de Meteo Caprino.. ah ah ah ah ho fatto la rima...

Comunque passè sti du mila ani in cui l'era Paolo Fox a far le previsioni vardano le stele, arriva el Rinascimento (che devo dir quando l'ho studià a scola el m'ha fatto abbastansa cagar...probabilmente perchè non i m'ha miga dito quel che ve conto fra n'atimo..) e se scominsia a pernsar che  preveder el tempo non fusse miga na cassada ma che ghe fusse delle leggi più "oscure" che la governavano... insomma, banalizar tutto con "le stelle" non bastava più. LE robe bisognava osservarle, misurarle e studiarle... per capirle ... e, soprattutto per misurarle, mancava tutto... quindi, ve pararà strano ma in quel periodo, proprio en Italia  Galileo Galileifu enventà i primi strumenti meteorologici (usati ancora oggi):

Evangelista TorricelliVacca can, ghe n'avemo ententè de robe ... e adesso semo qua a dover far i conti con la Merkel... a quei tempi ghe magnaene i gnochi en testa a tutti ... (bon fine dell'orgoglio italiano...).

Ma oltre a queste invenzioni, fu proprio alora che nacque "meteorologia sinottica" basata sulle prime rilevazioni dei dati raccolti dai strumenti che emo enventà noialtri. Nel 1654 il Granduca Ferdinando II istituì la prima rete meteorologica... el primo passo verso la meteorologia moderna. Adesso scusime ma me toca contarve qualcosa de palloso... Nel periodo compreso fra il 1654 e il 1667 Luigi Antinori coordinò infatti una rete osservativa comprendente stazioni di rilevamento italiane e straniere. Si trattava del primo tentativo di raccolta sistematica di dati osservativi descrittivi e strumentali provenienti da luoghi geografici diversi, tramite l'utilizzazione di strumenti omogenei e l'adozione di procedure di rilevamento il più possibile uniformi.

Quindi ragasse e ragassi giusto per capirse... el bello de quel che l'ha fatto Ferdinando II fu ennventar el metodo de osservazione basato su queste "stazioni meteo" sparse en giro per l'Europa...piuttosto che sulla bontà delle informazioni che arrivava ... disemoselo ciaro le informasioni che arivava da queste stassioni le fasea abbastansa cagar... iera valide come i termometri che al giorno de ancò se vede di fronte alle farmacie e che in istà i ariva a farne vedere 50..60...minchiaaaaa ccento gradi!! (vediamo chi coglie la citazione cinematografica :D). Comunque, nonostante sti "passi avanti", Branko, Paolo Fox e Otelma ierà sempre i mejo... per dir, che l'era sempre  "l'astrologica" ad avere la meglio e gli studi sul Meteo e l'Atmosfera... che iera considerè più robe da fighetti ... ci studiava ste robe iera come i paninari dei anni '80. I primi a entaiarse però che, si si ok la luna l'era en quela posision e la Vergine l'era de spiego con Giove... ma pioveva stesso, iera i Marinai ... innanzitutto i avea capito che i venti forse iera qualcuno de più de due e che se pioveva a buso... beh le stelle le gavea poco da spartir... pioveva, punto... ma mancava ancora da capir perchè.

Dovemo aspetar altri 150 ani grosso modo... arrivando al 1800. Fu in quel periodo che i scomensia a capir che se ancò pioveva a Torino...forse doman saria piovuo a Verona ... perchè, scoperta fondamentale... o meglio intuizione fondamentale, el meteo non lè miga na questione "Locale" ma na roba "più larga" .... quindi vardar el proprio ortesin l'era na cassada... bisognava enformarse...saver quel che succedeva en giro, anche a chilometri de distansa.

Ovvio però che  fino a quando le osservazioni meteorologiche de Torino (tanto per dir un nome...) le arivava a Verona per posta (che l'era l'unico modo per scambiarse le informasioni a quei tempi ... semo nel 1800 ricordivelo... ) ..ghe voleva almanco tri giorni... e quindi i veronesei i savea sicuramente che el giorno prima era piovuo senza che ghe le disesse le previsioni... Eh grassie al casso ... gavea da saverlo ieri che pioveva...così non me sarià mia ciapà l'acqua sula testa... Quindi tutto belo, viva la meteorologia sinottica ... ma sensa un modo rapido per scambiare le informazioni non le serviva proprio a niente! 

A darghe na man ai meteorologi, ghe pensa Samuel Morse ... si proprio quel del codice, che nel 1937 inventò il primo Telegrafo Elettrico e a sto punto anche per la meteorologia iniziò l'era dello sviluppo "moderno" ... Se sà che se se dà na mossa solo quando l'acqua la te toca el cul, e l'acqua la toccò el cul (ai francesi e inglesi) quando una furiosa tempesta sul Mar Nero la affondò quasi tutta la flotta Anglo-Francese nel corso della guerra di Crimea (ve ricordio el film 300 quando le navi persiane le fu sbalotè da na parte a l'altra dal vento e dal mar grosso? eco na roba del genere). A sto punto tutti i capì che forse un'osservazione più "scientifica" degli eventi atmosferici era necessaria (se iavesse savuo prima dell'arrivo de na tempesta con i attributi, probabilmente igli anglo francesi non i avaria miga ciapà na smusada del genere) e nel 1960 nacquero in Italia, Francia ed Inghilterra i primi servizi meteorologici.

Ma a quei tempi i pensava de aver capio tutto ... pensar che bastesse vardar el tempo de "Torino" per saver quel che sucedeva a Verona el giorno dopo ...l'era na putanada e quindi ...sbaglia pervision un giorno, sbaglia presion anche l'altro ...e el terso... e così via...beh fece si che nissuni credesse alla meteorologia che tornò ad essere roba da fighetti... fino a quando......(continua nella 2° Parte)... :-)

Read 22825 times Last modified on Monday, 09 November 2015 21:15

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.