Questo sito utilizza/non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Sat10212017

Last update

13 Dicembre 2001: El Buran de Santa Lusia...la vera storia raccontata da un Freddofilo

Se avvicina la notte de Santa Lusia e sicuramente ì buteleti della provincia i pensa: da fogo ... caspita ariva i regai, bisonga nar el leto presto (perche se Santa Lusìa la te cata sveio iè cassi) ma prima misogna pareciar la taola per la Santa, el Musso e el Castaldo. Ma oltre a questo, per i meteo appassionati (en sto caso non solo Veronesi) vien en mente quel che sucesse el 13 Dicembre del 2001... squillino le trombe: "El Buran de Santa Lusìa". Oddio i l'ha ciamà "Buran" solo perchè fa figo... en Realtà da noialtri el vento che arivà l'era solo Bora, El Buran infatti l'è un vento gelido che però soffia solo nelle Pianure Sarmatiche della Russia e no sulla pianura Padana (ma questa l'è solo na nota da cagacassi). Come sto Dicembre, anche quel del 2001 el cominciò gran mal per i amanti del fredo... ma allora le robe le cambiò, no come st'ano che el periodo "de merda" el narà avanti ancora per un bel poco.

Comunque, anca alora i primi giorni de Dicembre i trascorse en compagnia dell'alta pression sub tropicale..."El camelasso maledetto" e quindi con temperature fora dalla norma in montagna e nebbioni e fresco in pianura, ma soprattutto senza gnanca na faliva en montagna. Questa “ingombrante presenza” l'è ben visibile nelle prossime immagini

L'immagine chi de sora la mostra el camelasso e quela chi sotto la mostra le temperature in quota e come possiamo vedere eravamo in “balia” de una +5° ai 1500 metri…si insomma, no fredo! A differensa de adesso però anche nelle zone nebbiose se arivava a 5/6 gradi de massima.

Per ci ama la meteo e ghe piase le robe "dinamiche", quella situasion l'era dal bon "noiosa" .., en gergo i addetti ai lavori i le ciama "du cojoni", si be insomma, dai non proprio tutti tutti i addetti ai lavori i le ciama così. Ma per fortuna, le robe le taca a cambiar zà verso l'immacolata (allora non ghera ancora ILMETEO.IT a prevedere disastri de neve con 20 giorni de anticipo portando quindi sfiga e mandando en vacca tutte le speranse dei freddofili) quando,  correnti più frede le taca a rivar fin sull'Italia. Prima le cala in quota e subito dopo le rinfresca anche en pianura. Affinchè arivasse ste correnti però ghe sta n'incastro de eventi "barici" che in meteorologia i se ciama "botta de cul". Vedemoli assieme (iè comunque nella prossima immagine):

1) Orso Russo da 1050

2) Balena Azzoriana che se taca con l'Orso formando el cosiddetto Ponte de Weikoff

3) Goccia fredda isolata sulla Russia Europea schiacciata tra l'orso, la balena e el ponte

Ora, zà l'è un casin far previsioni in situassioni normali, figurate quando ghe de mezzo tutto sto casin. De certo le robe en ste condisioni le pol esser molto interessanti.

Infatti, dopo qualche giorno le robe le cambia, el Ponte el fa a farse ciavar (vedi prossima immagine) e la situasion sull'Italia che, si fasea un po' più freddo, ma ghera sempre e solo nebioni, la cambia radicalmente:

  • la goccia fredda la taca a esser rifornia de altra aria gelida diventando parte integrante de una mega massa pression che dall'Artico la "ciuccia" dentro la gossa e quindi fin sull'Europa Orientale un "freddo bisso" (altro termine tecnico...).
  • sulla Scozia envesse, se forma un potente anticiclone de blocco de ben 1040hPa... insomma da li le perturbassioni atlantiche non le passa.
  • E sulla Russia Centrale ghè sempre l’Orso…quindi ancora l’alta pressione gelida
  • Questo vol dir che la bassa pression FREDDA ghe toca star encastrà tra dò alte pressioni… e da li el gà na sola via de uscita: l’Europa Centrale e il Mediterraneo.

Ma non l'è che en queste condissioni sia diventà facile far le previsioni, ansi. Semo al 12 de dicembre e nessun meteorologo serio el se sbilanciò nel preveder cosa l'avaria fatto l'aria fredda, certo nell'aria se sente "profumo" de evento "storico" ma siccome i meteorologi seri non i se sbilancia mai nel dir robe a caso, nessuno si azzardò di menzionare l'arrivo del "Buran" ... anca se ormai mancava poche ore.

Buran o non Buran? questo l'era el problema, l'unica roba certa l'era che avaria fatto MOLTO più freddo, la diression del freddo l'era abastansa ciara, quel che non se savea, l'è se saria stà un freddo "sterile" o se avaria fatto un po' de nevischio... figuremose a parlar de neve con accumulo. Zà allora i savea che soprattutto per el Nord Italia gli ingressi freddi da Est iè per la maggior parte "innocui".

Ma ecco che arriva el 13 Dicembre, fin che i buteleti i versea i regai, i meteo appassionati i osserva subito un cambiamento: Le nebbie non le ghè più, el ciel l'è azzurro, non se vede na nuvola ma ocio...le temperature iera ancora sora lo zero!!! e qua sono sicuro che partì na serie de improperi tra i freddofili che se dovessi scriverli me toca confessarme per un mese de fila! Ma casso!! solo na roba i avea dato per certo, ossia l'arrivo del Freddo e invesse non ià endovinà nemmeno quela. Ma quel che i freddofili/nevofili non i savea mia la mattina del 13 Dicembre, l'era che nella notte, se vede per far passa meio Santa Lusìa, el ponte de Weikoff el savea formà n'altra olta (vedi prossime due immagini), per la gocca fredda (sempre più fredda) non ghera scampo, la gavea per forsa da spostarse verso sud, prima sulla Alpi e da li sull'Italia

L’immagine precedente la "gossa", mentre la prossima immagine mostra come l’aria dentro la gossa, la sia molto più fredda rispetto a l'aria giunta sull’Italia fino a quel momento.

Bon, tutto sto casin "Russo" el taca a far cambiar le robe anca sull'Italia a partire dalle 13.30. Innanzitutto se alza el vento sulla provincia de Verona, si tratta di un Est “pieno” (BORA... no BURAN...ma come dito all'inissio fa figo ciamarlo BURAN) e no un “Nord-Est” e questo è un bene perchè vol dir che qualcosa sta entrando e non dovaria mia esser foehn in caduta dalla Lessinia. Ma le nuvole? Le nuvole dove ele?!?!??  Oddio a esser proprio pignoli, se podaria ciamar nuvole, quei 4 cirri spaisi che se vedea vardando verso est, ma l'era (per un nevofilo) tacarse a tutto sperando che non fusse solo freddo sterile. Tutto cambiò en 45 minuti…quei che ha trasformà una “Ciavada” nel “Buran di Santa Lucia” (ovviamente la ciavada la saria staà per el Nevofilo... ma visto quel che è successo la ciavada la arivà per i caldofili)

Infatti attorno alle 14.10-14.20 el cielo el se ennuvolò del tutto, la temperatura crollò. A Verona se passò dai 7° delle 13 ai 3° alle 14. E verso le 14.30 ecco che l'ariva. Primi fiocchi, prima sparsi e poi via via sempre più copiosi e fitti.

Sul Friuli e el Veneto orientale, l'era zà un'ora che fiocava. Bufere de vento e neve ierà segnalè da Trieste fin a Vicensa. La neve l'era arivà dappertutto, vuto che i freddofili veronesi ei le ciapesse en quel posto ancha staolta? Vuto che la proverbiale sfiga de Verona (perchè verona e la neve le va mia d'accordo) la gavesse reson anca stolta? Avaressemo visto solo quel 4 falive che savea visto finora?

NO Casso!  En un'altra ora la situasione la cambia radicalmente…sul Veronese arriva la bufera… VENTO (toccate punte in campo aperto di 80 Km/h) e NEVE e tutti i nevofili (anca quei che en mezzo ala bufera i ghera con la macchina, come mi) a urlar "LA TACA!!". Oh, la tacava dappertutto, fin sulle pareti verticali delle case, s-chissà dal vento e engiassà all'istante dalla temperatura che nel frattempo l'era finia sotto lo zero.  

El Vento e soffia sempre de più e attorno alle 17, alcune stazioni della zona di Verona le fa segnar i 98Km/h che con una temperatura esterna di -5°... vento a 100Km orari e -5° significa che la tempratura percepita in pianura l'era degna della siberia...grosso modo LA PERCEPITA RIPETO l'era de 20° sotto zero. Insomma na bufera, che durò comunque poco. Attorno alle 19 tutto se calmò…el vento el tacò a calar… i fiocchi i mu sempre più sparsi… e alle 20 en cielo tornò le stelle

Tirando le somme, alla fine, a Verona il Buran de Santa Lusìa non l'è che el portò a tutta sta neve. En media 3cm (ovviamente dove la neve fu portata dal vento se arrivò anca a 30cm) insomma è fiocà anca molto de più en città e soprattutto en provincia, ma probabilmente questa che v'ho appena contà la rimarrà (almeno fino alla prossima) la tempesta de neve più ricordata dai Veronesi… e non solo :)

Ciaoooooooooooo