Questo sito utilizza/non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Sat05302020

Last update

Monday, 06 February 2012 22:43

Dopo il Burian, il Blizzard... ma cos'è??? Featured

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Con il termine di BLIZZARD si vuole descrivere dei fenomeni meteorologici tipicamente invernali molto pericolosi, caratterizzati principalmente da intense nevicate, vento forte, freddo con temperature anche molto al di sotto dello zero e visibilità ridotta. Spesso possono essere confusi con delle "normali " tempeste blizzard-4di neve ed esistono diversi criteri riconosciuti (ma non normati e quindi non uniformati) per definire cosa è un Blizzard e cosa non lo è. Ad esempio, il Servizio Meteorologico Canadese, classifica una tempesta di Neve come blizzard se:

  • La visibilità nei luoghi interessati dalla tempesta, è inferiore al chilometro.
  • I venti soffiano a più di 40 km/h.
  • La temperatura percepita a causa del vento è inferiore a −25 °C (si chiama windchill)
  • hanno una durata di almeno 4 ore

Tali parameti diventano più restrittivi in Europa, dove il Servizio Meterorologico Inglese classifica la tempesta come blizzard se:

  • I venti soffiano a più di 50 km/h.
  • La visibilità è inferiore ai 200 metri
  • Le precipitazioni nevose presentano un'intensità tra moderato e forte

Le regioni maggiormente interessate a questo tipo di fenomeno sono le steppe Russe, l'America del Nord ed in particolare il Canada ed in Europa soprattutto le Isole Britanniche e la Scandinavia. Nel momento di "massima intensità" il Blizzard può ridurre a zero la visibilità e a causa del forte vento la neve che cade, non viene distribuita uniformemente, per tale motivo nelle aree colpite dal Blizzard, vi possono essere accumuli di neve "ridicoli" ma ance accumuli di neve di qualche metro. Possono assumente connotati simili ad un uragano e per questo motivo poesosno anche essere molto pericolosi. Dal 2000 ad oggi i Blizzard "storici" sono stati:

  • Groundhog Day Blizzard of 2011
  • Dicembre 2010 North American blizzard
  • Terzo Blizzard del nord America nel 2010
  • Secondo Blizzard del nord America nel 2010
  • Primo Blizzard del nord America nel 2010
  • Febbraio  2007,  Tempesta invernale del nord America
  • Saskatchewan blizzard del 2007

Ma il Blizzard più disastroso, fu quello che si verifico in IRAN nel 1972 dove morirono circa 4000 persone. Vsta la pericolosità di un evento di questo tipo, esistono delle regole basilari che è opportuno seguire nel caso di Blizzard, e negli ultimi giorni in Italia di possibili eventi di questo tipo ne abbiamo avuti parecchi, ecco quindi un piccolo vademecum che potrebbe servire alle persone che vivono delle aree del centro italia sommerse dalla neve:

  • conservare una buona scorta di combustibile da riscaldamento e di cibo. Se si viene avvisati del pericolo blizzard in tempo utile, fare scorta benzina o gasolio e cibo. Includere cibi che non hanno bisogno di essere cotti in caso vi sia mancanza di energia.
  • Assicurarsi che gli animali siano protetti, fornendo loro abbondanza di cibo e acqua prima che la tempesta raggiunga il pieno vigore.
  • Non rimanere all’aperto e non uscire se si è al riparo, si può facilmente perdere l’orientamento con la neve che acceca a causa della forza del vento e della scarsa visibilità. Se si deve uscire per forza maggiore, assicurarsi il capo di una corda alla casa e l’altro attorno alla vita per ritrovare la via di ritorno. Se si raggiunge un’altra casa, legare fermamente la corda a quest’ultima.
  • Attendere la fine del blizzard al riparo. Queste tempeste possono durare anche giorni.
  • Prepararsi in caso di mancanza di energia elettrica, controllando le pile delle apparecchiature a batteria come torce e radio portatili prima che la tempesta colpisca.
  • Fare attenzione al rischio d’incendio dovuto a stufe surriscaldate, caminetti, caldaie.
  • Usare la massima attenzione nelle operazioni di spalatura dopo la tormenta. È un lavoro estremamente faticoso e duro specialmente per chi non è in perfette condizioni fisiche e può portare addirittura ad attacchi cardiaci.
  • Conservare una giusta dose di medicinali nel caso qualcuno si senta male durante la tempesta, e soprattutto se si soffre di una qualche patologia.

Per concludere quindi il Blizzard  e Burian sono molto simili (anche se il Burian è tipico Russo) ma mentre con il Burian non è detto che nevichi, con il Blizzard invece la certezza ella neve, è pari al 100% :-)

 

 

Read 136667 times

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.