Questo sito utilizza/non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Mon07132020

Last update

Declassata da G3 a G1 la tempesta solare che ha colpito la terra

Lo abbiamo scritto ieri, una tempesta magnetica, generatasi in seguito ad un potente flare solare,  è giunta nella giornata di oggi a aurora-borealis-curtains-alaskacolpire la terra. Erano previsti problemi alle comunicazioni telefoniche, alle forniture di corrente elettrica, ai voli aerei e atre piccole conseguenze, ma stando agli esperti di "meteorologia spaziale" americani, nulla di tutto uesto è accaduto... o per lo meno, non nel modo molto marcato, con cui tali fenomeni erano previsti. La tempesta magnetica è come se ci avesse colpito "di striscio" anche se non è detto che nei prossimi giorni ci possa essere ancora qualche piccola interferenza.

Nella giornata di Venerdì 9 Marzo, Joseph Kunches, un esperto di meteorologia spaziale presso la US National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) ha dichiarato che "La tempesta magnetica sta seguendo una direzione tale per cui  gli effetti reali sul campo magnetico terrestre saranno davvero minimi", aggiungendo poi che, " pur essendoci state alcune interruzioni delle comunicazioni nelle regioni polari della Terra che hanno spinto le compagnie aeree a modificare per precauzione le rotte di alcuni voli che sarebbero passate molto vicine ai poli, queste interruzioni non sono state significative al punto da creare disagi, nemmeno i sistemi GPS sono andati in Tilt!"

Come gli uragani, anche le tempeste solari hanno un sistema di rating che descrive la loro potenza in una scala che va da G1 (meno potente) a G5 (più potente). La tempesta di queti giorni era stata classificata come una tempesta di categoria G3 ma già nella giornata di Giovedì gli scienziati americani l'avevano declassata a G1, quindi il livello più basso di "pericolosità". Gli scienziati della NASA sospettano comunque che il sole nei prossimi mesi sarà sempre più attivo e che quindi saremo spesso "bombardati" da tempeste di questo tipo, almeno fino al suo "massimo" che è previsto nel 2013. Ovviamente non è possibile determinare ad oggi quanto potrebbero essere intense, ma se fossero tutte come quella appena passata la loro "eredità", sarebbero delle splendide aurore Boreali...peccato che in questi giorni vi sia la luna piena altrimenti sarebbe uno spettacolo assicurato!