Questo sito utilizza/non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Tue07142020

Last update

Meteo Flash - Frana travolge 11 abitazioni a Niigata in Giappone

Ovviamente non a causa del terremoto odierno, ma un'enorme frana si è staccata dalla parete di una montagna nella città di nigataJoetsu della Prefettura di Niigata... anche perchè il tutto è iniziato lo scorso 7 marzo, ma veniamo ai fatti.

Come dicevo, lo smottamento è stato individuato il 7 Marzo scorso e le prime evacuazioni sono iniziate già la mattina dell'8 Marzo, con 52 persone provenienti da 15 diverse famiglie, costrette ad abbandonare le proprie abitazioni per essere trasferite in una zona prima di rischi. Il 10 Marzo la frana con il suo fronte di fango e neve largo oltre 150 metri, ha spazzato via le prime abitazioni raggiungendo  una lunghezza di 770 metri lungo il bordo della montagna.

La frana sta continuando a scendere e nella giornata di ieri ha distrutto un totale di 11 abitazioni. Inizialmente la massa si muoveva ad una velocità di 63 cm l'ora ma nelle ultime ore la sua velocità si è ridotta a 16 cm l'ora. Fortunatamente non vi sono stati feriti e ad oggi il numero degli sfollati è di circa 80. Per cercare di evitare altri danni, le autorità locali stanno adottando due diverse strateginigata2e, la prima è quella di aver costruito un "muro" provvisorio di sacchi si sabbia alto più di tre metri nel tentativo di deviare il flusso della massa, il secondo invece è quello che vede impegnati i vigili del fuoco nel tentativo di "togliere" acqua al sedimento roccioso su cui la frana si sta muovendo. 

Infatti il motivo per cui tale frana si è "mossa" sta nello sciogliemento troppo repentino degli oltre 3 metri di neve caduti nei giorni scorsi. La neve sciolta si è raccolta sotto forma d'acqua al di sopra roccia impermeabile di cui è composta la montagna, riducendo l'attrito tra il suolo e il substrato roccioso e sedimenti hanno iniziato a muoversi, ha detto Naoki Watanabe, professore associato di Niigata University Research Institute for pericoli naturali e disaster recovery. Comunque come si dice in questi casi, tutto è bene ciò che finisce bene!