Questo sito utilizza/non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Mon07152019

Last update

Meteo Flash - Oggi ancora instabilità...domani netto miglioramento al nord

Buongiorno a tutti

Che sia un'altra giornata instabile lo si capisce senza dover andare a guardare il satellite :-) . Sono infatti poche le zone Italia200412in Italia in cui il cielo sia completamente sgombro da nubi.

Questa nuvolosità è ciò che è rimasto dell'intensa perturbazione giunta ieri che ha portato mal tempo diffuso da Nord a Sud. Non sono mancati i forti temporali che localmente hanno portato a fenomeni grandigeni anche se non di grossa intensità. Come abbiamo scritto nei precedenti articoli il "merito" (o la causa) del maltempo si trova molto lontano da noi, sulle Isole Britanniche, dove Madeleine sta continuando a governare il tempo in Italia. Ora la profonda depressione britannica si sta lentamente "assopendo" e questo favorira un lento ma graduale miglioramento delle condizioni meteorologiche.

Le prime a beneficiarne saranno le regioni nord occidentali dove si avranno le prime schiarite già in mattinata. Le piogge (sperse) proseguiranno invece al nord est dove però dalla serata si apriranno ampi spazi di sereno che ci dovrebbero garantire un Sabato all'insegna del poco nuvoloso senza però portare piogge. Sulle regioni centrali e la Sardegna si segnalano ancora temporali che si intensificheranno nelle prossime ore. Le regioni adriatiche dovrebbero essere più protette, ma come ieri non si esclude che "qualcosa" arrivi in Abruzzo, Marche e Molise soprattutto nelle zone più interne.

Al sud la situazione sarà molto simile ma sarà soprattutto la Sicilia ad avere il tempo più perturbato. Visto che la perturbazione ha portato con sè aria fredda, la neve cadrà sulle Alpi attorno ai 1200 metri, mentre in Appennino si attesterà a quote più elevate (attorno ai 1600).