Questo sito utilizza/non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Thu10292020

Last update

Un Week End all'insegna dei forti temporali?

Lo diciamo da giorni e lo confermiamo anche oggi: fino a Venerdì assisteremo ad un graduale aumento delle temperature che, grazie alla seconda ondata africana della stagione (la prima ce l'abbiamo avuta ad aprile), toccheranno anche al Nord i 30° (è molto probabile che una delle città più calde tra giovedì e venerdì sia Bolzano). Le temperature elevate resisteranno anche nelle prime ore del pomeriggio di sabato quando, le cose per il Nord Italia (e nei giorni successivi anche per il Centro) cambieranno notevolmente....ma saranno davvero "ca**i" come si legge da ieri sui vari siti meteorologici? Saranno davvero intensi in temporali che potrebbero colpire il Nord tra Sabato e Domenica? No abbiamo la sfera di cristallo...e manca ancora molto ma stando all'ultima emissione del modello americano GFS, la risposta alla precedente domanda è Si... i temporali potrebbero anche essere di forte intensità e portare anche a grandinate.

Il motivo di questo "allerta" (che comunque merita conferme nei prossimi giorni perchè la situaione può mutare rapidamente) sta nella situazione che si sta delineando. Come detto sulle nostre regioni sta avanzando l'anticiclone di origine africana che porterà le temperature al suolo a valori piuttosto elevati per il periodo (30° in pianura padana a maggio signica valori 5/7° superiori alle medie del periodo), questa avanzata "calda" sarà però un vero e proprio fuoco di paglia e vediamo perchè nelle prossime due immagini.

850 sabato1205Temperatura prevista ai 1500 metri Sabato mattina

850 domenica1305Temperatura prevista ai 1500 metri Domenica mattina

E' evidente il calo termico in sole 24 Ore in quota... si passerà dai 15/16° di Sabato mattina ai 2/5° di Domenica mattina, un crollo termico di 10° abbondanti e questo non è proprio un bene se consideriamo il fatto che comunque la temperatura al suolo sarà ancora piuttosto elevata (diciamo attorno ai 15° che considerando stiamo parlando del primo mattino è una temperatura di tutto rispetto). Questa situazione è  "esplosiva"  e per capire il motivo di questo è bene analizzare con cura le prossime due immagini.

700vv domenica1305

Velocità Verticali

700umidità domenica1305

Umidità ai 3000 Metri (circa)

La prima immagine si riferisce alle velocità verticali presenti sull'Italia la mattina di domenica prossima. In questa mappa vengono appunto indicata le velocità con cui una  massa d'aria si muove (spiegherò in un'apposito articolo il dettaglio di tale mappa...) ed in questo caso possiamo notare come sul Nord Italia siano presenti valori molto negativi...il chè significa che la massa d'aria si muove dal basso verso l'alto (e questo è logico in quanto al suolo abbiamo aria più calda rispetto alle altre quote che tende a salire) ma i volori sono MOLTO negativi il che significa che la velocità ascendente è molto forte. Ora, questo potrebbe anche non voler dire nulla. Infatti pur essendoci tali moti verticali molto forti, non è detto che vi siano le condizioni affinchè si possano sviluppare temporali. Affinchè questo possa accadere, l'aria calda che sale deve riuscire a condensare per formare le nubi temporalesche, e questo può succedere solo se l'aria che incontra la massa in ascesa è umida.

La seconda immagine fuga ogni dubbio. Vediamo infatti che è presente in quota un'umidità elevatissima oltre il 95% quindi abbiamo tutte le condizioni affinchè domenica mattina (stando a queste proiezioni) vi sia lo sviluppo di nubi temporalesche ad ampio sviluppo verticale visti i valori in gioco. Di certo siamo nella condizione in cui associate a tali temporali vi siano anche locali grandinate che potrebbero essere intense in alcune zone e questo potrebbe accadere dove le velocità verticali sono maggiori ossia in Lombardia, parte del Friuli, il Veneto occidentale e parte del Trentino Altoadige... ora, dire con precisione le zone è una cosa da Harry Potter anche perchè come detto all'inizio dell'articolo, tutto potrebbe cambiare. Di certo la situazione è da monitorare anche perchè i vari indici temporaleschi confermano che vi sarà la possibilitù di forti temporali.

Insomma siamo di fronte allo "contro tra due titani"... da una parte l'alta africana, dall'altra l'artico con la sua aria fredda...e quando "due titani" si scontrano un po' di casino lo fanno sicuramente... Vedremo nei prossimi giorni l'entità effettiva di quello che potrebbe accadere nel week end!