Questo sito utilizza/non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Mon09282020

Last update

Le maree prevedono i terremoti?

I movimenti delle maree potrebbero essere utili nel prevedere grandi terremoti, come quello di magnitudo 9 che ha causato lo tsunami mareegiapponese lo scorso anno. Con l'aumento dello stress la superficie terrestre diventa infatti piu' suscettibile a piccole scosse causate dalle forze di marea: un segnale che terremoti piu' forti sono in arrivo. E' la teoria della ricercatrice giapponese Sachiko Tanaka, che sembra ora trovare conferma in un nuovo studio pubblicato sulla rivista 'Geophysical Research Letters'.

Tanaka, del National Research Institute for Earth Science and Disaster Prevention di Tsukuba, ha passato 10 anni a raccogliere prove a sostegno della sua teoria. "La pressione dell'acqua sulle rocce durante l'alta marea si accumula e alla lunga causa fratture e piccoli terremoti" ha spiegato, "se le faglie sottomarine sono gia' sul punto di rottura, queste scosse possono essere la causa scatenante". Tanaka ha messo a confronto i dati dal 1976 al 2011 sulle maree e sulle scosse sottomarine per una zona di 100mila chilometri quadrati attorno all'epicentro dell'ultimo terremoto giapponese.

"Per i primi 25 anni non ci sono stati segni di terremoti correlati alle maree, ma dal 2000 in poi questi si sono accumulati fino a raggiungere un picco proprio prima dell'ultimo grande terremoto", ha riferito Tanaka, spiegando che "e' difficile dire se e' possibile prevedere i terremoti, ma monitorare la relazione tra maree e scosse e' promettente: abbiamo in mente di tenere sotto controllo l'attivita' tidale nella zona di Sumatra e del Giappone del Nord". Uno studio promettente secondo Ross Stein della United States Geological Survey in California: "Ho letto molte ricerche che sostenevano di aver trovato un modo per prevedere i terremoti. La maggior parte e' infondata, ma lo studio di Tanaka spicca. Potrebbe rivelarsi di grande importanza".

Fonte : AGI