Questo sito utilizza/non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Tue10272020

Last update

La complessità sismica dell'Italia

Sono molto diversi e complessi i meccanismi all'origine dei terremoti che dal 20 maggio stanno scuotendo la Pianura Padana e che hanno fatto tremare anche la Toscana. Una complessità che riguarda tutta l'Italia, spiega il presidente dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), Stefano Gresta.

cnrIl grande motore all'origine dei terremoti di questi giorni, come di moltissimi altri terremoti in Italia, è la placca africana che spinge verso Nord, contro la placca Eurasiatica. "Quanto stiamo osservando - prosegue Gresta - ci fa pensare che questo movimento non avvenga a velocità costante, ma può avere delle accelerazioni nel corso dei secoli, delle quali vediamo gli effetti nei terremoti". Non si tratta quindi di un movimento regolare, ma di un movimento a scatti.

"I terremoti - osserva - sono la manifestazione più evidente del fatto che c'é un'attività". Rappresentando la rottura della crosta terrestre che ha uno spessore di circa 25 chilometri, oppure possono avvenire a profondità maggiori, ossia nella zona superiore e rigida del mantello terrestre, chiamata litosfera.

E' possibile ricostruire il quadro delle deformazioni del suolo utilizzando le immagini radar dei satelliti e i dati Gps: "da anni i dati satellitari danno un quadro completo della lenta deformazione provocata dalla spinta della placca africana". Ma nello stesso tempo sta diventando sempre più evidente quanto sia complessa la situazione in Italia. Tanto per fare un esempio, ci sono grandi differenze con la situazione di aree molto critiche in altre parti del mondo, come la faglia di Sant'Andrea in California. "In quest'ultima avviene un movimento trascorrente tra due placche, mentre nel Mediterraneo sono presenti numerose microplacche", osserva Gresta. "E' come avere a che fare con un puzzle fatto di tessere molto piccole, ed è molto difficile interpretare ogni singolo tassello della sismicità italiana".

Considerando, per esempio, i terremoti che dal 20 maggio stanno scuotendo la Pianura Padana, i protagonisti sono almeno tre: la grande placca Africana, che spinge verso Nord, contro la placca Eurasiatica; gli Appennini, compressi sotto la spinta della placca Africana e che nella loro estremità settentrionale si piegano sotto la Pianura Padana, sepolti dai sedimenti; la microplacca Adriatica, che costituisce la parte più settentrionale della placca Africana e che spinge sia verso Nord, piegandosi sotto le Alpi, sia verso Sud, piegandosi sotto gli Appennini.

Fonte: ANSA

Foto: INGV