Questo sito utilizza/non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Sun09242017

Last update

Didattica Meteo

Didattica Meteo (25)

Monday, 09 November 2015 20:52

L'inversione termica... in dialetto Veronese

Written by

PERCHE' ALA MATTINA PRESTO EN PIANURA GHE' SBORO E SUL BALDO GHE ZA' CALDO?

L'è capità più de na olta nelle ultime settimane che dandove el buongiorno ho scritto "Brumade en pianura e temperature più calde en montagna per effetto dell'inversione termica" ... Questo el par strano perchè i n'à ensegnà che quando se va en montagna bisognaria cuertarse perchè ghè più fredo e spesso quando en inverno piove a Verona sul Baldo arriva la neve quindi se ala mattina me sveio e en pianura ghè zero gradi me emmagino che sul Baldo (o en Lessinia l'è stesso) ghe sia un fredo becco... envese arriva el selvadego de Meteo Caprino a dirve che se volì nar sul Telegrafo ve convien partir legerini...

En condizioni normali è vero quel che tutti i pensa ossia che man man che ne alsemo de quota le temperature le cala... e generalmente le temperature le cala de 6/7 gradi ogni 1000 metri...quindi en pratica se a Verona ghè 10 gradi a Bosco ghe ne saria 3/4. La temperatura la cala con l'altezza perchè... l'aria a contatto con el terreno, ghe grassie al sol l'è caldo, la tende a scaldarse. Scaldandose la tende a salire (lo savemo tutti che l'aria calda la tende a star en alto) .... man man che l'aria la va sempre più in alto diminusce la pressione atmosferica che le schissa... quindi sa succede, che l'aria la taca a "espanderse" ... e espandendose, la cede calor ... e di conseguenza ela la se rinfresca ... La prima immagine mostra questa situazione "normale" ....notare l'artista che è in me...

Ma ormai avemo capio che con el tempo ghe sempre qualcosa da imparar e quindi esistena anche el caso in cui l'aria man man che se va in alto invese de calar de temperatura, succede el contrario ossia che la se scalda (rispetto al terreno). Questo fenomeno el se ciama appunto INVERSIONE TERMICA.

Questo accade soprattutto in inverno per tre motivi:
1) El sol l'è basso all'orizzonte e quindi el fa fadiga a scaldar el terreno perchè i raggi i ariva de sbiego
2) I Giorni iè più curti quindi el sol el scalda meno...la notte l'è più longa e el terreno el se scalda meno
3) Pol capitar che a terra ghe sia la neve e che quindi per el cosiddeto effetto albedo el terreno el sia fredo engiassa

inversione

Tutti i motivi appena descritti i fa si che l'aria al contatto con el terreno la sia MOLTO più fredda del normale e che quindi la sia più fredda de quella ch

e ghè nei primi metri sora le nostre teste...

se poi ghe metemo che anche la montagne de notte la se raffredda e l'aria fredda al contatto con i pendii essendo più densa e pensante la se scrioltola verso valle "scansando" l'aria più calda che ghè a quote più basse... che quindi la sale de quota scaldando l'aria en montagna... ensomma l'è un bel casotto ma sta de fatto che succede quel che v'ho appena scritto.

Le cause dell'inversion termica iè che l'atmosfera l'è talmente stabile (l'è instabile quando l'aria fredda l'è in quota ...) che non ghè movimento de aria...e questo fa si che se possa formar dei bei nebbioni ma soprattutto che envesse de respirar aria sana, se finissa col respirar "merda" ... lo smog infatti ristagna nell'aria per la gioia dei nostri polmoni... La seconda immagine mostra cosa accade con l'inversione termica!

Condividete se vi va!! Emoticon smile
Grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

Mi me li immagino i omeni primitivi o comunque le prime civiltà quando le gavea a che far con i fenomeni meteorologici... per ogni roba che sucedeva sicuramente el motivo l'era che qualcuno dei "Dii" che i gavea alora per qualche motivo ghe girava i ovi e quindi i se sfogava con i poveri umani:

  • Cascava en spiansiso..."ecco gavemo fato qualcosa al dio del fogo e adesso el ne purga"
  • Arrivava el tramonto ... "ecco el papà de Pollon l'è stufo e el va a dormir" ... a no giusto, Pollon a quei tempi non i savea gnanca cosa el fusse...
  • Arrivava na botta de #caldomerda ... "ecco che quei de ilmerdeo.it i sa enventè n'altro nome del cavolo per el caldo" ... perchè quei de elmerdeo i ghera ancha alora...
  • Tacava a piover ... "ecco che i angioletti ghe scapa la pipì" ... a no quela la me le diseva me nona...
  • Ghera na fila de nuvole a righe nel ciel ... "ecco che gli illuminati i ne irrora con el Bario" ...

Comunque o per na roba o per n'altra ghera sempre de messo na divinità a portare il bello e il cattivo tempo...

I primi che ha provà a dir "Eh no caspita, non pol mia esserghe sempre de mezzo qualche Dio..." iè stè i Mesopotanici (se scrive cosità?!?!) ... si insomma quei che arivava dalla mesopotamia (adesso se pol dir che la saria formà da Israele, Libano, Siria, Iraq ... si insoma dove ghè casin...)...dopo i gà provà i Ebrei.. ma fin quando no sa fato avanti i Greci non ghè sta verso de veder qualcosa de serio... I Greci, nonostante i gavesse un Dio per qualsiasi cosa, ià scritto el primo "manuale de Meteorologia": la Meteorologica di Aristotele (che non l'è miga el personaggio principale de "l'allenatore nel Pallone"...quel el gavea una s in più ala fina...).

Sto manuale, scritto nel 340 a.C. el dimostra, come ci l'ha scritto, el fusse uno con "i contro cojoni" visto che su molte robe el gà embrocà dal bon... tanto più che iè valide anche ai giorni nostri... Sicuramente el ghe nè capiva più de Sanò visto che a quei tempi lù (Aristotele) l'avea descritto perfettamente come se formava la grandine. Per Aristotele infatti la Grandine non l'era miga un regalo del Dio dei Ghiaccioli o del ciclone "Poppea" (Thor, Odino o Sticazzi ... a cui siamo abituati ai giorni nostri) ma l'era un fenomeno che gavea la seguente spiegasion (voleva scriverlo en graco ma acententive de leserlo en Italiano...) :

"a quote elevate la temperatura dell'aria è tale da far ghiacciare l'acqua anche d'estate. Anzi, le grandinate si verificano più spesso in estate perchè il calore del suolo spinge le nubi più in alto facendo così ghiacciare elevate quantità di goccioline contenute nella nube che prima o poi a causa del peso cadono a terra"

... in effetti sucede più o meno sta roba...poi ovvio...Aristotele, considerando la Terra al centro dell'universo, el pensava che el Sole non servisse a n'ostrega ..ansi no dai..al Sol el dava el merito de provocar i Venti ... anche se per lu iera solo due .. Però tutto sommato pur avendo scritto anche na marea de vacade nel so trattato  (chiamiamole inesattezze dai..), podemo dir che Aristotele l'era l'Emilio Bellavite dei so tempi.. El grosso problema de Aristotele l'era che el fasea na fadiga bestia a avvisar i so concittadini che doman saria poduo piover visto che nol podea mia far na Pagina su Facebook o mandar un twitter ... quindi volenti o nolenti i greci ghe tocava ciapar quel che vegneva perchè nessuno ghe diseva se tor su l'ombrela o se ala matina ghe saria stà sboreto.

Comunque quel che ha scritto Aristotele (anca se de scientifico el gavea poco o niente) l'è sta ciapà per bon come la "bibbia" della Meteorologia e delle conoscenze atmosferiche, per almeno 2000 anni... Anca perchè quei che podeva meterghe un poco el becco iera I Romani e non ià zontà gnente de novo... i pensava solo ai Gladiatori, a espender l'impero e se pioveva o fasea el sol l'era stesso. Ma quindi, volio dirme che per 2000 anni avemo considerà valido che "quando il calore del Sole raggiunge la superficie terrestre esso si mescola con l'acqua dando origine ad una sostanza calda e umida simile all'acqua",Benedetto Castelli (1577 - 1643)la fusse la spiegasion scientifica per la formazione del vapore acqueo? A sto punto me domando: ma che casso ai fato en tutto sto tempo? nel Medioevo a parte coparse tra de lori...pensaveli ancora che la neve la fosse la forfora de Zeus???

Dai non l'è miga proprio così...ma purtroppo nel Medioevo l'era l'astrologia a farla da padrone e quindi se piovea l'era perchè "lo Scorpione è andato in trigone con la Vergine e Venere si è allineata con l'Orsa Maggiore per 10 lune..." insoma iera le stele a comandar ,oltre ala alla fortuna dele persone, anca le previsioni del tempo...un po' come ancò noialtri pensemo che le Seole le ne diga che tempo farà per tutto l'ano o che Frate indovino sia meglio de Meteo Caprino.. ah ah ah ah ho fatto la rima...

Comunque passè sti du mila ani in cui l'era Paolo Fox a far le previsioni vardano le stele, arriva el Rinascimento (che devo dir quando l'ho studià a scola el m'ha fatto abbastansa cagar...probabilmente perchè non i m'ha miga dito quel che ve conto fra n'atimo..) e se scominsia a pernsar che  preveder el tempo non fusse miga na cassada ma che ghe fusse delle leggi più "oscure" che la governavano... insomma, banalizar tutto con "le stelle" non bastava più. LE robe bisognava osservarle, misurarle e studiarle... per capirle ... e, soprattutto per misurarle, mancava tutto... quindi, ve pararà strano ma in quel periodo, proprio en Italia  Galileo Galileifu enventà i primi strumenti meteorologici (usati ancora oggi):

Evangelista TorricelliVacca can, ghe n'avemo ententè de robe ... e adesso semo qua a dover far i conti con la Merkel... a quei tempi ghe magnaene i gnochi en testa a tutti ... (bon fine dell'orgoglio italiano...).

Ma oltre a queste invenzioni, fu proprio alora che nacque "meteorologia sinottica" basata sulle prime rilevazioni dei dati raccolti dai strumenti che emo enventà noialtri. Nel 1654 il Granduca Ferdinando II istituì la prima rete meteorologica... el primo passo verso la meteorologia moderna. Adesso scusime ma me toca contarve qualcosa de palloso... Nel periodo compreso fra il 1654 e il 1667 Luigi Antinori coordinò infatti una rete osservativa comprendente stazioni di rilevamento italiane e straniere. Si trattava del primo tentativo di raccolta sistematica di dati osservativi descrittivi e strumentali provenienti da luoghi geografici diversi, tramite l'utilizzazione di strumenti omogenei e l'adozione di procedure di rilevamento il più possibile uniformi.

Quindi ragasse e ragassi giusto per capirse... el bello de quel che l'ha fatto Ferdinando II fu ennventar el metodo de osservazione basato su queste "stazioni meteo" sparse en giro per l'Europa...piuttosto che sulla bontà delle informazioni che arrivava ... disemoselo ciaro le informasioni che arivava da queste stassioni le fasea abbastansa cagar... iera valide come i termometri che al giorno de ancò se vede di fronte alle farmacie e che in istà i ariva a farne vedere 50..60...minchiaaaaa ccento gradi!! (vediamo chi coglie la citazione cinematografica :D). Comunque, nonostante sti "passi avanti", Branko, Paolo Fox e Otelma ierà sempre i mejo... per dir, che l'era sempre  "l'astrologica" ad avere la meglio e gli studi sul Meteo e l'Atmosfera... che iera considerè più robe da fighetti ... ci studiava ste robe iera come i paninari dei anni '80. I primi a entaiarse però che, si si ok la luna l'era en quela posision e la Vergine l'era de spiego con Giove... ma pioveva stesso, iera i Marinai ... innanzitutto i avea capito che i venti forse iera qualcuno de più de due e che se pioveva a buso... beh le stelle le gavea poco da spartir... pioveva, punto... ma mancava ancora da capir perchè.

Dovemo aspetar altri 150 ani grosso modo... arrivando al 1800. Fu in quel periodo che i scomensia a capir che se ancò pioveva a Torino...forse doman saria piovuo a Verona ... perchè, scoperta fondamentale... o meglio intuizione fondamentale, el meteo non lè miga na questione "Locale" ma na roba "più larga" .... quindi vardar el proprio ortesin l'era na cassada... bisognava enformarse...saver quel che succedeva en giro, anche a chilometri de distansa.

Ovvio però che  fino a quando le osservazioni meteorologiche de Torino (tanto per dir un nome...) le arivava a Verona per posta (che l'era l'unico modo per scambiarse le informasioni a quei tempi ... semo nel 1800 ricordivelo... ) ..ghe voleva almanco tri giorni... e quindi i veronesei i savea sicuramente che el giorno prima era piovuo senza che ghe le disesse le previsioni... Eh grassie al casso ... gavea da saverlo ieri che pioveva...così non me sarià mia ciapà l'acqua sula testa... Quindi tutto belo, viva la meteorologia sinottica ... ma sensa un modo rapido per scambiare le informazioni non le serviva proprio a niente! 

A darghe na man ai meteorologi, ghe pensa Samuel Morse ... si proprio quel del codice, che nel 1937 inventò il primo Telegrafo Elettrico e a sto punto anche per la meteorologia iniziò l'era dello sviluppo "moderno" ... Se sà che se se dà na mossa solo quando l'acqua la te toca el cul, e l'acqua la toccò el cul (ai francesi e inglesi) quando una furiosa tempesta sul Mar Nero la affondò quasi tutta la flotta Anglo-Francese nel corso della guerra di Crimea (ve ricordio el film 300 quando le navi persiane le fu sbalotè da na parte a l'altra dal vento e dal mar grosso? eco na roba del genere). A sto punto tutti i capì che forse un'osservazione più "scientifica" degli eventi atmosferici era necessaria (se iavesse savuo prima dell'arrivo de na tempesta con i attributi, probabilmente igli anglo francesi non i avaria miga ciapà na smusada del genere) e nel 1960 nacquero in Italia, Francia ed Inghilterra i primi servizi meteorologici.

Ma a quei tempi i pensava de aver capio tutto ... pensar che bastesse vardar el tempo de "Torino" per saver quel che sucedeva a Verona el giorno dopo ...l'era na putanada e quindi ...sbaglia pervision un giorno, sbaglia presion anche l'altro ...e el terso... e così via...beh fece si che nissuni credesse alla meteorologia che tornò ad essere roba da fighetti... fino a quando......(continua nella 2° Parte)... :-)

precipitazioniinvernaliProprio ieri ho visto girare su FB un immagine proveniente dal NOAA che spiegava in maniera molto semplice (banalizzando alcuni aspetti... tipo non considera quanto è "umida" l'aria) quali sono le 4 principali tipologie di precipitazioni che solitamente si hanno in inverno... purtroppo l'immagine era in Inglese e siccome l'inglese lo so' come l'italiano quindi poco e male, ho pensato di farne una simile ma in Dialetto Veronese che lo capisso mejo ... Ah notare pure il disegno... me fiola de 6 anni la le fasea mejo... questo vi fa capire che in educazione artistica non sono mai stato na cima...

Comunque, in Inverno (normalemente) quando dal cielo scende qualcosa possiamo avere 4 diverse tipologie di precipitazioni/fenomenologie vediamole una per una (le vedete numerate sull'immagine)

1) Fiocca. La colonna d'aria sopra le nostre teste è tutta completamente fredda quindi, dalle nubi scende neve e rimane neve fino a quando non tocca il terreno. E' ovviamente la neve "migliore" quella più di qualità ma per la pianura Veronese è molto raro trovare condizioni di questo tipo

2) Nevischia, la vien zò mista, piove giazzo ... ecco questo è il caso in cui solitamente si può parlare di "cuscino freddo" ossia...Dalle nubi scende neve... a quote alte (o medio /alte) la neve incontra una zona di aria calda (tipo le sciroccate in quota) e quindi torna a fondere... ma appena sotto questo strato di aria calda, la colonna d'aria torna a raffreddarsi e questa colonna è abbastanza alta da consentire alla pioggia di ritrasformarsi in nevischio o pioggia ghiacciata...
Se lo strato di aria calda è molto limitato e le precipitazioni molto forti ed intense potrebbe anche essere che la neve passa indenne e quindi al suolo avremmo un bel manto bianco... generalmente però sta neve è na neve "stupidotta" anche se l'è sempre bianca.

3) Gelidicio...alias "no sta en piè gnanca i passeri" (ecco perchè nell'immagine a l'ometto gò messo el baston en man...) ... comunque si parte con la neve ... poi si incontra uno strato di aria calda che scioglie la neve trasformandola in pioggia... lo strato d'aria calda non arriva fino al suolo, ma è sufficiente però per impedire che la pioggia possa tornare allo stato solido.
Al suolo però lo strato di aria fredda c'è ancora e questo ha mantenuto il terreno a temperature negative... quindi, quando la pioggia tocca il terreno, solidifica immediatamente provocando il cosiddetto fenomeno del "GELICIDIO" ... è dal mio punto di vista il fenomeno peggiore che può capitare perchè davvero le strade diventano lastre di ghiaccio ... e te pol butar tutta la sal che bastaria a consar la pasta che ghe stà dentro l'Arena prima de riussir a desfarlo.
Quello che ricordo maggiormente è stato il GELICIDIO del Natale 1999... la strada tra Domegliara e Peri sembrava na pista de Olidei on Ais ... 20/30 incidenti in poco più di 16 km... un disastro!!

4) Pioe ... la neve la parte neve ma la colonna d'aria sopra le nostre teste è tutta calda... quindi non ghè storie, la neve te la vede con el binocolo

Spero di essere stato esauriente

In questi ultimi giorni oltre alle enormi ca**ate su Ciclope, e sul fatto che come ogni anno su certi siti si ipotizza già che il 2014 sarà l'anno del caldo record (quando in realtà il 2003, 2007 e 2012 iniziarono in maniera ben più "calda"), si è iniziato a parlare, molto in anticipo rispetto agli altri anni, del concetto di "temperatura percepita" senza però spiegare in realtà cosa sia e come si misuri... ma semplicemente sparando dei numeri a caso nemmeno si stesse gicando a tombola!

Se ricordate gli anni passati, i telegiornali talvolta ci mostrano le due colonne con temperatura reale ed indice di calore, ma capita anche di sentire titoli sbrigativi indicanti “38 gradi a Milano” oppure “41 gradi a Firenze”. Dette così, il pensiero comune corre immediatamente alla temperatura REALE, quando invece nel 99% dei casi questi titoli sensazionalistici fanno riferimento al’indice di calore. Noi non esperti, sappiamo solo che quando arriva il caldo Africano e ci troviamo all'aperto ci sentiamo come la carne cotta al vapore... caldi e umidi...e diciamo "ca**o ma che caldo fa?? sono tuto tacaisso" (Trad. Veronese-Italiano : Caspita, fa caldo...mi sento tutto appiccicaticcio!) 

Ad essere micidiale nei prossimi giorni infatti non sarà di per sè la temperatura (anche se 33°/35°e forse 37° in pianura Padana sono comunque na bella badilata nei denti...) ma è il mix "Temperature elevate e umidità" ... ossia quella che chiamiamo l'AFA e che te fà sudar la lengua en bocca!! (Trad. Veronese Italiano - Ti fa sudare la lingua in bocca... :-) )  Per misuare effettivamente la temperatura percepita dal corpo umano, soprattutto in presenza di forte umidità nell'aria (l'afa appunto), non esiste un solo metodo, ma più indici che misurano rilevazioni effettuate in modo diverso e con parametri differenti. Vediamoli assieme

Indice di Calore, "Heat Index" (HI) o "Apparent Temperature" (AT). È un indice calcolato in gradi Fahrenheit (°F), che permette di stimare il disagio fisiologico dovuto all'esposizione a condizioni meteorologiche caratterizzate da alte temperature e da elevati livelli di umidità nell'aria. L'Indice di Calore viene impiegato abitualmente negli Stati Uniti d'America dal National Weather Service della NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration), per valutare il disagio termico durante l'estate. Quando l'Indice di Calore supera per almeno 2 giorni consecutivi i 105°F – 110°F (41°C – 43°C), il Servizio Meteorologico Nazionale avvia una procedura di allerta per la popolazione.

Summer Simmer Index  questo recentissimo indice di benessere, presentato in California nel gennaio 2000, rappresenta una nuova versione del Summer Simmer Index pubblicato nel 1987 ad opera di John W. Pepi. Si tratta di un indice adatto a descrivere le condizioni di stress da calore durante la stagione calda. Esso utilizza i risultati provenienti da modelli fisiologici e da test umani effettuati su un periodo di oltre 75 anni dalla Società Americana di Ingegneria del Riscaldamento e Refrigerazione (ASHRAE) presso l'Università del Kansas.

Indice Humidex I primi studi sono stati effettuati nel 1965 in Canada, ma solo successivamente alcuni meteorologi canadesi hanno individuato una scala, chiamandola Humidex. Considerando la temperatura dell'aria e l'umidità relativa, essa cerca di calcolare un singolo valore in grado di descrivere il disagio per l'uomo in giorni umidi e caldi. L'immagine seguente mostra unatabella che permette di calcolare rapidamente l'Humidex

humidex

Indice di Thom, "Discomfort Index" (DI). È considerato uno dei migliori indici di stima della temperatura effettiva. Quest'ultima è definita come "un indice arbitrario" che combina in un singolo valore l'effetto di temperatura, umidità e movimento dell'aria sulla sensazione di caldo o di freddo percepita dal corpo umano. La temperatura effettiva tiene conto della temperatura di bulbo umido e della temperatura di bulbo asciutto di posti ombreggiati e protetti dal vento. L'Indice è adatto per descrivere le condizioni di disagio fisiologico dovute al caldo-umido ed è valido in un intervallo termico compreso tra 21°C e 47° C. Al di fuori di tale intervallo, anche al variare dell'umidità relativa, l'indice attribuisce sempre la condizione fisiologica alle classi estreme, cioè "benessere" per temperature inferiori a 21°C e "stato di emergenza medica" per temperature superiori a 47°C. La tabella eguente invece mostra come calcolare rapidamente il Thom.

thom

Comunque indipendemente dalle formule o dagli indici... quando fa caldo, fa caldo...c'è poco da fare!! ecco perchè io personalmente amo il freddo o se proprio il bel caldo che arriva con le AZZORRE!!!! :-P

Spesso leggendo qua e la sui vari forum dedicati alla meteorologia e in alcuni casi (rari fortunatamente) anche su alcuni siti "professionali" si leggono frasi del tipo "Le termiche non reggeranno quindi la quota neve salirà", "termiche ballerine fino all'ultimo", "termiche molto alte per il periodo" etc. e spesso queste disquisizioni sono associate ad immagini simili a quella che ho allegato a questo breve articolo. Lo ammetto un paio di volte è scappato anche a me tratto in inganno dal fatto che questo termine fosse "sulla bocca di tutti" ma volendo essere precisi si può affermare senza ombra di dubbio che parlare di termiche ai 1500 metri è na "cagata pazzesca" come diceva Fantozzi nei confronti del film " la Corazzata Potemkin" (per chi non lo ricordasse ecco il video http://www.youtube.com/watch?v=BCztQYzz3AA :-)) )

Partiamo quindi dall'analizzare la mappa allegata (fonte www.meteonetwork.it) mettendo in luce e dando i nomi giusti a quello che in essa viene rappresentato. Innanzitutto l'immagine allegata è una delle tante che si possono trovare riferite alla "quota di 850hPa" e mostra la situazione prevista per le 6 del giorno 15 Marzo 2013 su Europa Centrale, Italia e Balcani (sino notano i contorni dei vari stati). Con questo termine si indica il fatto che il valore dei parametri in essi evidenziati (nell'immagine sono la temperatura e il geopotenziale) e quello che essi assumono alla quota di circa 1400/1500 metri (che poi senza entrare nel dettaglio tale quota può variare dai 1200 metri se l'aria è molto fredda, ai 1700 metri se l'aria è molto calda).

Assodato questo, possiamo analizzare meglio l'immagine. innanzitutto possiamo notare delle "linee curve" bianche alla quali è associato un numero di tre cifre. queste "linee" rappresentano le cosiddette isoipse ossia la quota (o altezza sul livello del mare) alla quale la pressione raggiunge il valore a cui l'immagine si riferisce ossia i famosi 850hPa. Posiamo notare come questi valori non siano (come detto in apertura) costanti ma cambino e anche molto :-) . E' il numero associato ad ogni isoipsa a dirci la quota esatta. In questo caso l'unità di misura è espressa in decametri quindi i 132 dam grosso modo presenti sulla nostra testa stanno ad indicare che la quota a cui la pressione è 850hPa è circa 1320 metri slm. Osservando la cartina si può notare come grosso modo sulle Repubbliche Baltiche vi sia un minimo di geopotenziale a circa 120dam  mentre sul Marocco vi sia un massimo di 148dam. Oltre a questo però la cosa che volevo farvi notare, sono i colori (quelli che in molti chiamano termiche...) la cui comprensione è facilitata dalla scala posta in basso al di sotto della mappa (nel caso dell'immagine in figura). Le aree di ugual colore identificano quelle che si chiamano isoterme e non termiche e rappresentano la temperatura dell'aria alla quota di 850hPa. Nell'Immagine possiamo quindi notare temprature attorno ai -12° a ridosso delle Alpi ad una quota di circa 1300 metri (e temperature di 10/12° a Nord dell'Egitto (in basso a destra).

Giusto per completezza le termiche oltre alle ruote da neve che siamo obbligati a montare nel periodo invernale in meteorologia hanno un significato ben preciso e non quello sopra detto. Le vere "termiche" in meteorologia sono alla base della nascita dei cumuli ossia delle nubi temporalesche. Tali nubi nascono perchè una massa d'aria calda, immersa in una massa d'aria più fresca, tende a salire verso l'alto a causa della spinta di archimede (si quello che gridò Eureka...) fino a quando poi non raggiungeranno una zona con temperatura "simile"... ecco queste masse d'aria più calda si chiamano termiche o celle convettive :-)

E con questo spero di aver chiarito l'arcano ;-)

E' vero, questa mattina con 10 cm di neve sulla strada senza che spazzaneve o mezzi spargisale avessero fatto il loro dovere, guidare è risultato "stressante" anche per chi alla neve è abituato o comunque non la teme. Però c'è qualcosa di molto peggio della neve, che davvero richiede molta attenzione alla guida... anche perchè "non si vede"... parlo del fenomeno del Gelicidio.

Io ricordo benissimo quello del 25 Dicembre del 1999... in Valdadige fu una vera e propria ecatombe di automobili che "imprudenti" avevano affrontato la statale del Brennero diciamo "sotto gamba"... io ne ho contate na trentina in poco meno di 10 Km... nessun incidente grave per fortuna... ma comunque sempre una scocciatura per chi era rimasto coinvolto...

Comunque dicevamo...il Gelicidio.... Dal punto di vista pratico è na ca*gata... si tratta in buona sostanza di ghiaccio sulla strada, ma (come vedremo a fine articolo) non tutto è gelicidio ciò che luccica...infatti, questo particolare fenomeno, è il ghiaccio che, a causa delle basse temperature,  si forma nell'istante in cui la pioggia (o pioggerellina) tocca terra. Questo fenomeno accade solitamente in condizioni molto simili a quelle che si potrebbero avere in certe zone, la prossima notte. Vediamole assieme: quando a livello del suolo è presente uno strato di aria fredda, con temperatura inferiore a 0 °C  e sopra di esso, c'è uno strato d'aria più calda che consente la fusione della neve che cade dalle nubi, si forma il gelicidio. E' molto importante notare che questo "fetente" :-) non si forma quasi mai da nubi calde, cioè da nubi da cui cade acqua allo stato liquido.

A causa del fenomeno della sopraffusione (ossia per dirlo in parole povere quella condizione in cui l'acqua rimane liquida anche al di sotto dello 0°) le gocce che raggiungono il terreno congelano all'istante perchè cedono calore al terreno, formano uno strato di ghiaccio trasparente, omogeneo, liscio e molto scivoloso, racchiudendo i rami degli alberi, gli arbusti, gli steli dell’erba, i cavi elettrici all'interno di un involucro assai duro di acqua cristallizzata e trasparente in quanto senza "bolle" d'aria. Dai suddetti effetti è possibile capire quanto sia pericoloso infatti:

  • E' trasparente... quindi sulla strada non si vede... e chi guida rischia di prenderlo in quel posto...non ghè gome termiche che tegna (Trad. anche con le gomme termiche è complicato)
  • Se lo strato di ghiaccio che si forma attorno ai rami degli alberi è "spesso", esso pesa un casino... e questo provoca la rottura di rami anche grossi che potrebbero creare problemi alla cricolazione
  • Se lo strato di ghiaccio che si forma attorno ai cavi elettrici è "spesso"... beh alla lunga si rimane senza corrente perchè i cavi si spezzano
  • E' molto complicato anche rimanere in piedi semplicemente camminando

Insomma è un fenomeno "semplice" nella sua formazione... ma molto pericoloso...quindi domani state attenti! Occhio però a non fare confusione... perchè? semplice, il gelicidio può essere confuso con la brina che si deposita lentamente per condensazione sulle superfici esterne quando, in assenza di ventilazione e con umidità relativa dell’aria molto elevata, perdono calore di notte fino a raggiungere 0 °C. Altro fenomeno affine ma distinto è la neve chimica (fenomeno che lo scorso anno ha visto Verona come protagonista in diverse occasioni), che si forma in presenza di nebbia e basse temperature, quando siano disponibili a sufficienza nuclei di congelamento. Non dovrebbe essere confusa con il gelicidio neppure la galaverna che si verifica, con temperature inferiori a 0 °C quando minuscole goccioline di acqua esistenti nell’aria si solidificano intorno al suolo o sulla vegetazione formando un rivestimento che è però opaco (per la presenza di aria), biancastro ed assai fragile. In presenza di vento forte, il rivestimento intorno alle superfici segue la direzione del vento, cosicché si formano talora, specialmente intorno ai tralicci di metallo ed ai fusti delle piante, delle specie di lame di ghiaccio biancastre, irregolari e dentellate, larghe anche 20 centimetri e più; il fenomeno si chiama calabrosa.

Monday, 10 December 2012 12:37

La neve e il "cuscino" ... freddo

Written by

La neve non è come la pioggia…bella banalità vero? :-) Ma quello che volevo dire è che la formazione della neve è un fenomeno davvero molto complicato che richiede il verificarsi di molte condizioni tutte assieme affinché un fiocco riesca a raggiungere il suolo. Partiamo dal fatto che non tutto il freddo che arriva è in grado di portare la neve (almeno non ovunque) e il nord-est se ne è accorto lo scorso Febbraio quando pur arrivando “l’Orso” la neve in pratica non si è vista.

Ma quindi, quali sono le condizioni favorevoli affinché la “dama bianca” possa imbiancare il terreno? In questi giorni in Pianura Padana si sta formando un forte cuscino freddo. Ossia l’arrivo dell’aria gelida da est, sta “impregnando” la pianura di freddo anche molto intenso (nonostante in quota le temperature siano leggermente più alte che in pianura) questo perché l’aria fredda, più pesante, tende a ristagnare nei bassi strati e quindi al suolo. La Pianura Padana con la sua “conformazione” è adatta a questo fenomeno, essendo “chiusa” in pratica da tre lati (a nord le Alpi, ad Ovest, le Alpi e a sud gli appennini) con l’unico sbocco ad Ovest verso il mare.

Quando (come previsto per giovedì/venerdì prossimo) correnti umide di origine Atlantica entrano da Ovest, il cuscino freddo inizia ad erodersi proprio sulle zone più aperte e quindi, almeno li, di neve non se ne parla quasi mai. Infatti uno dei problemi nel caso di nevicate da cuscino freddo (o da addolcimento) sta tutto nell’intensità che le correnti umide hanno. Se tali correnti sono molto intense questo significa :

  1. Precipitazioni nevose più intense
  2. Precipitazioni nevose meno durature
  3. Molto facile che il cuscino freddo si disgreghi più in fretta
  4. Alla fine la neve si “butta” in pioggia

Se invece le correnti sono deboli (come venerdì 7 Dicembre 2012) allora:

  1. Precipitazioni nevose meno intense
  2. Cuscino freddo che resiste più a lungo
  3. Precipitazioni nevose anche dove la Pianura Padana si apre verso il mare
  4. Quasi sicuramente (se il cuscino è forte) sarà neve fino a termine dei fenomeni

Infine se la corrente umida, non arriva nemmeno al suolo si avrà il pericoloso fenomeno del Gelicidio ossia la pioggia che cadendo a terra si ghiaccia…e questo è MOLTO pericoloso per la circolazione stradale e non solo… Ricordo molto bene il gelidicio del giorno di Natale del 1999… un ecatombe di auto sulla Statale del Brennero…

Un altro parametro che deve essere considerato per capire se arriverà o no la neve, è la direzione da cui arriva il fronte… se esso arriva da Nord-Ovest (ossia si tratta di un fronte di origine artica), beh lo scirocco può soffiare fin che vuole ma sarà neve quasi certa ovunque… invece se il fronte è di origine africana…allora sono “ca**i” e il cuscino freddo va a “farsi friggere” in fretta.

Ci sono comunque delle zone in cui il cuscino freddo resiste più a lungo… e parlo del Nord-Ovest fino alla Lombardia Occidentale (più o meno fino a Bergamo diciamo) in quanto queste zone sono quelle più “protette” dalle correnti “calde”… infatti a Sud ci sono gli Appennini … ad Ovest ed a Est come detto in precedenza, ci sono le Alpi. Per noi del Nord-Est invece la posizione non è favorevole … siamo in balia delle correnti da sud e quindi il cuscino si distrugge molto più rapidamente…. resiste nelle valli alpine “chiuse” coma ad esempio la Valdadige che appunto è più riparata.

Comunque, le nevicate di addolcimento non si verificano quasi mai in modo omogeneo su tutti i settori, anche nelle condizioni termiche migliori. Ecco allora l'importanza della traiettoria dei fronti. Se il fronte arriva da ovest, come ad esempio lo scorso venerdì, trasporta con sè aria marittima mite ma quando arriva a ridosso delle Alpi Occidentali, queste fanno da schermo e cosa succede? Stau potente sui versanti Francesi e “metrate” di neve fresca in Francia e Svizzera. Buoni accumuli anche in Valle D’Aosta, completamente saltato il Piemonte (almeno la pianura) e precipitazioni che interessano maggiormente il Triveneto e l'Emilia ma sono distribuite in modo irregolare. Qualche nevicata può interessare anche la parte alta della Lombardia e il Trentino-Alto Adige, ma saranno meno “colpite”… in effetti il Venerdì 8 Dicembre 2012 il Trentino ha visto accumuli molto inferiori rispetto ad alcune zone di pianure dal Veneto.

Mano a mano che la direzione del fronte si sposta da Ovest, verso sud-Ovest e più le precipitazioni si intensificheranno. Una “rotazione minima” fa si che anche il cuscino “mediamente forte” possa resistere, quindi si avrebbero nevicate copiose anche in Emilia, est Lombardia, Veneto e Friuli, ma Piemonte e Lombardia Occidentale, rimarrebbero in “ombra” . Un Fronte più disposto da sud invece favorirebbe la neve anche in Piemonte, Lombardia Veneto e Friuli (ma in queste ultime due regioni la neve si ha la neve solo però se le temperature in quota sono basse al punto da consentirlo. Sono ca**i invece per la neve al Nord-Est quando il fronte genera un minimo depressionario sul mar ligure... Questo infatti significherebbe SCIROCCO potente che spezzerebbe via subito il cuscino sul Triveneto e L’Emilia e poi via via fino quasi a Torino. Ma dove il cuscino resiste… beh potremmo dire che sarebbe “apoteosi” bianca :-)

Poi se vogliamo entrare nel caso di nevicate da “avvezione fredda” possiamo parlare del fronte in grado di generare una Venezia Low (depressione sul Golfo di Venezia) in grado di trascinare aria fredda (grazie alla Bora) da est consentendo quindi nevicate a manetta su tutto il Triveneto. Un ingresso invece da Nord… beh al di la di portare il Foehn nelle valli Alpine non darebbe fenomeni di rilievo sulla pianura padana. Tutto rimarrebbe addossato lungo le alpi, con nevicate abbondanti in Austria e Svizzera e qualche sfondamento lungo le zone di Confine.

Spero di essere riuscito a dare un’indicazione di massima a quello che succede nel caso di “cuscino freddo” :-) ah stiamo a vedere cosa accade nel prossimo week end… da che parte arriverà il fronte?! :-)

 

Tuesday, 04 December 2012 14:29

Cosa sono gli "SPAGHI" e come si leggono?

Written by

Molto spesso sulla mia pagina ho parlato di "SPAGHI" o "SPAGHETTI" mostrando un grafico per lo più incomprensibile al quale "allegavo" delle brevi spiegazioni. Visto che magari alcuni di voi sono interessati a capirne qualcosa di più ho pensato di scrivere questa breve guida di cosa sono questi fonatomatici "SPAGHETTI" e di come si mangiano... ops si leggono :-). Come ogni articolo di didattica meteo cercherò di esporre le cose nel modo più semplice possibile...altrimenti poi rischio di non capirle soprattutto io! ;-)

Ovviamente il termine "SPAGHI" o "SPAGHETTI" è un nomiglolo dato dai meteoappassionati  a quello che in gergo tecnico si chiama Modello ENSEMBLE. Ma partiamo dall'inizio, gli ENSEMBLE sono una visione "d'insieme" di una serie di Run (o elaborazioni) che vengono eseguite sul Modello Matematico (ossia uno stumento software in grado di "prevedere" il tempo che farà...o almeno ci prova... ovviamente non è l'unico esistente...ma di questo magari parlerò in un articolo dedicato) di riferimento ossia il modello americano GFS (Global Forecast System). Come tutti i modelli matematici di previsione, anche GFS parte per le sue elaborazioni da una serie di parametri di previsione (temperature, pressione, venti etc.) provenienti dalle rilevazioni real time che quotidianamente vengono fatte.

Per generare gli "spaghetti" (4 volte durante l'arco delle giornata come il modello GFS ovviamente, alle 00, alle 6, alle 12 e alle 18) si prendono i parametri "di base" del GFS e si modificano leggermente con delle piccole "perturbazioni". Sono 21 le "perturbazioni" che vengono generate dal modello ENSEMBLE ed ognuna di esse genera un possibile diverso scenario futuro per l'evoluzione meteorologica in una certa zona. In pratica è come se si partisse dal presupposto che "el tempo el fa quel che el vol" (Trad. il tempo fa quello che vuole) e attraverso le "piccole" modifiche apportate al modello GFS si volesse in qualche modo "prevedere" come esso potrebbe evolvere in questa sua "non prevedibilità". Solitamente un grafico ENSEMBLE è composto da 23 spezzate diverse

  • 1 che rappresenta il RUN Ufficiale di GFS ed è rappresentata in Nero
  • 1 che rappresenta il cosiddetto RUN di controllo, in Blu
  • 1 che rappresenta il valore medio di tutte le altre "linee" ad esclusione del run ufficiale, rappresentat ain rosso
  • 10 spezzate generate con eventi perturbati positivi
  • 10 spezzate generate con eventi perturbati negativi

Ora però, per poter andare avanti con la spiegazione vorrei che deste un'occhiata alla prossima immagine che mostra appunto gli SPAGHETTI

 

Innanzitutto un Grafico di ENSEMBLE è sempre riferito ad una ben precisa zona geografica, in questo caso (lo vediamo in basso a sinistra) a quella rappresentata dalle coordinate 45.6 Nord e 10.8 Est... ossia la zona di Caprino Veronese. Poi, come possiamo vedere dall'immagine, l'asse delle "X" mostra i giorni del mese a cui un dato punto delle spezzate fa riferimento. A seconda della distanza temporale (dalla data di emisisone del modello, in questo caso il 4 Dicembre 2012 ore 06h ... lo vediamo in basso a destra) si possono individuare tre fasce:

  1. Quella del "Breve Termine" che va da 0 a 3 giorni
  2. Quella del "Medio Termine" che va da 3 a 8 giorni
  3. Quella a "Lungo Termine" che va oltre gli 8 giorni

Possiamo notare come più la distanza temporale dall'emissione cresce, più i singoli spaghi si allargano ad indicare che la "previsione" è moltp più incerta...mentre nel breve termine è molto probabile che vi sia una sovrapposizione tra gli spaghi. Al di la di questo comunque quello che salta all'occhio è che nel modello ENSEMBLE (almeno quello da me presentato) si vogliono monitorare 3 diversi parametri (infatti i gruppi di spezzate sono 3) e nel caso specifico i parametri monitorati sono:

  1. La temperatura che si raggiungerà alla quota di 850hPa (circa 1500 metri)...il primo parametro in alto
  2. La temperatura che si raggiungerà alla quota di 500hPa (circa 5000/5500 metri) ... il parametro al centro
  3. Le precipitazioni che si potranno avere nella zona a cui gli ENSEMBLE fanno riferimento ... il parametro in basso


Per capire il valore che ognuno di questi parametri raggiungerà (o meglio, potrebbe raggiungere) in un dato giorno si fa riferimento ai valori posizionai sui due diversi asse delle Y, a destra (quadrettato in rosso) vi è la scala che misura i millimitrei di pioggia che potrebbero cadere, sull'asse a sinistra invece (quadrettato in nero) sono rappresentate le temperature. Nel caso in esame ad esempio il giorno 5/12 la temperatura agli 850 hPa potrebbe raggiungere poco meno dei -5° (tutti gli spaghi e la loro media si posizionano di poco al di sopra dei -5°), la temperatura ai 5000 metri si aggirerà attorno ai -35° ... mentre nessuna pioggia è prevista (spaghi piatti). Una cosa interessante offerta da questa rappresentazione è la "probabilità di neve" nella zona interessata dagli ENSEMBLE... ed in questo caso risulta essere dell'80% per il giorno 7!!

Insomma questo è il modo con cui gli spghetti vanno letti... spero che sia stata una lettura interessante, ma soprattutto comprensibile!!

Friday, 26 October 2012 20:39

Quota neve...quanto è difficile prevederla?

Written by

E' inutile nasconderlo ma nei freddofili. in questi ultimi giorni, c'è fermento... si perchè potrebbe essere in arrivo la prima neve a quote davvero molto basse (soprattutto al nord-ovest) nella giornata di domenica. Come mancano in pratica 2 giorni e ancora parliamo di "potrebbe arrivare" e non di "arriverà" ? Si, non possiamo assolutamente avere la certezza di dove e a che quota cadrà la neve, perchè purtroppo, prevedere la "quota neve" è davvero un bel casino ;-). A volte non nevica pur avendo temperature al suolo al di sotto dello zero...mentre altre volte nevica con temperature molto al di sopra dello zero termico... questo ci fa capire quindi come per prevedere la "neve" non è sufficiente considerare la temperatura, ma bisogna tirare in ballo altre variabili.

Innanzitutto i vari modelli di previsione che tutti gli appassionati hanno imparato a conoscere e che i principali siti meteo utilizzano per fare le loro previsioni,  riescono a darci con una buona precisione il quota dello zero termico posseduto da una massa d'aria in arrivo... che teoricamente dovrebbe essere la quota in cui una goccia di pioggia si trasforma in neve alla temperatura di 0°. Ma come detto poco fa questo non basta e quindi intensità delle precipitazioni, vento e (potrebbe sembrare strano) l'orografia sono in grado di scombinare l'equazione semplicistica ed errata:

a X metri c'è lo zero termico = al di sotto di X metri nevica

Esistono delle leggi fisiche che entrano in gioco in tutti i fenomeni atmosferici e di conseguenza anche quando si parla di neve.  Cercherò di semplificare un po' le cose in modo da renderle comprensibili il più possibile. Partiamo da una cosa che tutti sanno... l'acqua passa dallo stato liquido allo stato solido a zero gradi centigradi... e fin qua è tutto facile. Meno facile ( o comunque meno immediato) è invece comprendere il fatto che nel passaggio contrario (ossia dallo stato solido allo stato liquido) è necessario introdurre calore affinché questo passaggio avvenga... questo cosa significa?  semplice, che quando un fiocco di neve cade, arrivato alla quota dello zero termico, tenderà a sciogliersi diventando una goccia d'acqua, ma, per fare questo, deve assorbire del calore, sarà l'aria che lo circonda a fornirgli il calore necessario per farlo.

Se la nevicata è debole... beh non ci sono dubbi... quello che arriva a terra sarà per forza pioggia, ma se la precipitazione nevosa è molto intensa mano a mano che i fiocchi si sciolgono, tale processo assorbendo calore dall'aria, farà si che la quota dello zero termico si abbassi... e di conseguenza si abbasserà anche il livello a cui i nuovi fiocchi caduti inizieranno a sciogliersi.

E' quindi possibile ad esempio che con lo zero termico a 1500 metri, vi siano nevicate moderate anche attorno ai 1000 metri...ma in condizioni di assenza di vento e in presenza di nevicate davvero molto intense si è assistito a nevicate anche attorno ai 500 metri di quota...ben 1000 metri più in basso rispetto allo zero termico "ufficiale". 

A volte però, anche se la precipitazione è intensa, il miracolo della neve a bassa quota non avviene... questo spesso è da imputare alla presenza del vento. Esso infatti contribuisce (rimescolandola) a far scaldare l'aria e quindi il calore che un fiocco di neve utilizza per sciogliersi, non lo "preleverà dall'aria che lo circonda, ma dal vento che soffia... in questi casi, se ci va di culo...ops se siamo fortunati, la neve cadrà 100/300 metri al di sotto della quota dello zero termico.

All'inizio avevamo detto che un altro fattore che influisce sulla quota neve è l'orografia e soprattutto quando si parla di valli. La conformazione particolare di una valle fa si che in essa possa stazionare masse d'aria fredda nonostante le temperature a quote superiori siano più calde. Questo fa si che anche in presenza di precipitazioni non particolarmente intense e quota dello zero termico posta "più in alto", possa nevicare fino a fondo valle. Nella Zona del Baldo questo fenomeno è facilmente osservabile nella "vallata" che da Spiazzi porta fino a Novezza...

Insomma prevedere dove cadrà la neve è piuttosto complicato... quindi per i prossimi giorni non basatevi solo sulla quota dello zero termico per capire se nella vostra zona nevicherà o meno... ma provate e prendere in considerazione anche tutti gli altri fattori... io ad esempio sono fiducioso sul fatto che a Novezza domenica/lunedì si potrebbe vedere la neve anche se la quota dello zero termico sarà posta a quote più elevate ;-)

Monday, 06 August 2012 22:01

Il Downburst non è una tromba d'aria....

Written by


Ogni volta, dai non esageriamo...quasi ogni volta che nelle ultime settimane abbiamo letto le cronache dei forti (in alcuni casi fortissimi) temporali db1che hanno interessato alcune zone del Nord Italia (in particolar modo il Piemonte, la Lombardia, il Trentino Altoadige, l'Alto Veneto e il Friuli), ci siamo imbattutti in alcuni termini ricorrenti... grandine, piogge torrenziali, e tromba d'aria... Caspita, se adesso ogni volta che arriva un temporale arriva anche na tromba d'aria siamo messi maluccio...

In realtà però nella quasi totalità delle volte in cui si è usato questo termine (che dal punto di vista giornalistico fa molto figo), lo si è usato a sproposito. Il fatto è che spesso il giornalista che si trova ad osservare un fenomeno temporalesco violento in cui improvvisamente non si vede più nulla e si viene investiti da raffiche di vento a volte "esagerate", è portato a credere di trovarsi di fronte ad un "tornado" quando in realtà è molto probabilmente il fenomeno del Downburst!

Per dirla in parole semplici  (prima di spiegarla con termini più tecnici) il Downburst è il vento, che si forma "davanti" ad un fronte temporalesco che avanza, alzato dalla pioggia, e dall'aria che con essa scende, che sbatte per terra...più la pioggia scende violentemente e più il vento è più forte... provate a lanciare un sasso in una pozzanghera... se lo lasciate cadere esso schizza... ma se lo lanciate con violenza lo schizzo è più forte... :-) Ma vediamo nel dettaglio cosa è il downburst...

Esso è generato da un forte "Downdraft"  ossia una colonna d'aria fredda a piccola scala che scende rapidamente dal cumulonembo accompagnata da forti piogge. La forte discesa crea un impatto con il suolo tale che, una volta raggiunto il suolo la colonna d'aria si espande orizzontalmente. In queste condizioni si viene a formare un "vortice" rotante al interno del quale si sviluppano dei venti molto ravvicinati tra loro di elevata velocità ma soprattutto di direzioni opposte.

Un downburst può avere quindi una variazione improvvisa del vento in intensità e direzione di due diversi tipi (in gergo questo fenomeno si chiama Wind Shear)

  1. verticale - cioè consiste in una rapida variazione di velocità e intensità del vento in linea verticale;
  2. orizzontale - cioè la rapida variazione di velocita ed intensità del vento in linea orizzontale;


db2Nella maggior parte dei casi si tratta di Downburst accompagnati come detto in precedenza da precipitazioni (wet downburst), ma in alcuni casi non sono accompagnati da precipitazioni e vengono quindi detti "dry downburst". Questo ultimo tipo avviene quando le precipitazioni attraversano uno strato di aria secca che fa evaporare la pioggia impedendole di arrivare a terra... cosa che però non accade con la massa d'aria che l'accompagna.

Se la base del cumulonembo si sviluppa ad una quota elevata molto probabilmente si è in presenza di un'umidità piuttosto bassa e quindi scarse precipitazioni e forti downdraft, in questo caso la probabilità che si formi un dry downburst è alta. Se invece il cumulonembo si sviluppa ad una quota bassa molto probabilmente saremo in presenza di aria umida e quindi abbondanti precipitazioni con deboli downdraft in questo caso la probabilità che si crei un wet downburst è molto alta.

Il Downburst normalmente è più forte sul bordo avanzante della stessa cella temporalesca, le raffiche che sviluppa spesso possono causare seri danni alla vegetazioni e alle strutture dei centri urbani a tal punto che questo spesso può essere confuso con i danni provocati appunto da una tromba d'aria! Ma il Downburst si differenzia da essa per due motivi... Innanzitutto si può formare anche in presenza di temporali poco intensi ma soprattutto come abbiamo visto in precedenza, un downburst produce venti che si muovono in "linea retta" e che non assumono però il classico moto rotatorio delle trombe d'aria!

Insomma sono violenti, anzi olto violenti anche loro... ma sarebbe opportuno non confonderli con l'altro fenomeno meteorologico di cui parlerò però in un'altro articolo! :-)

Page 1 of 2